Sempione Seehorn 6 Luglio 2019


 Scarica la traccia

Relive ‘Sempione Seehorn’

Il Seehorn è una montagna che siamo abituati ad affrontare in condizioni invernali, perché è facile trovare bella neve e, fino al colle, è sicura anche dopo una nevicata. Per questo ero curioso di salirla in condizioni decisamente diverse ed è stata una bella scoperta.

Si parte da Gabi (1228 m) e si attraversa il torrente Laggina su un ponte in ferro. Si segue per un tratto una larga pista nel bosco e la si abbandona nei pressi di una baita, dove si stacca una bella mulattiera che risale ripida in direzione E. Si risale il bosco con un bel percorso che costeggia il torrente. Attraversato un ponte, si esce su ampi prati nei pressi di un gruppo di baite. Proseguendo la salita, la mulattiera diventa un bel sentiero, che porta rapidamente al colle di Furggu (1872 m), dove si incrocia la strada asfaltata che sale dalla Zwischbergen. Qui il sentiero riprende ripido tra radi larici e sbuca nella conca dove è adagiato un laghetto (Seetole 2027 m). Ora si esce dal bosco e il sentiero sale con lunghi diagonali sulla giavina, per portarsi nei pressi della cresta O e arrivare alla vetta, dove si trovano delle brutte antenne ed una piattaforma di atterraggio.

Tempo di salita: 2,20ore, comprese le soste.
Dislivello: 1220
Sviluppo: 11,5 km circa, andata e ritorno
Difficoltà: E

Condizioni: bella gita, molto frequentata e su ottimi sentieri. Dalla vetta si gode di un magnifico panorama sulle montagne del Sempione e della Val Bognanco


Please follow and like us:

Stockhorn 31 Marzo 2019

Scarica la traccia

Relive ‘Morning Mar 31st’

BINNTAL STOCKHORN

Uscita di finale con il 40° corso di scialpinismo del CAI di Villadossola. Lo Stockhorn l’avevamo già affrontato con il corso, ma sempre dal versante N. Questa volta abbiamo optato per la salita dal versante S.

Lasciata la macchina a Fald (1519 m), abbiamo preso la strada innevata e l’abbiamo seguita, con qualche taglio, fino alla miniera. Risalito il prato tra bassi cespugli, abbiamo preso il sentiero estivo che attraversa il bosco (segno bianco-giallo su un albero), e che porta ad un ponticello che consente di attraversare agevolmente il torrente. Risalendo il bosco rado, si arriva alle baite di Wissy (1852 m) e di Schare (1979 m). Lasciata la traccia che sale all Massersee e alla punta di Valdeserta, ci siamo diretti a bellissimi piani di Galti Ritze, che abbiamo attraversato, per deviare poi a SO, risalendo l’ampio canale che porta al passo di Furggulti (2352m ). Da qui, puntando dritti a N, abbiamo risalito il pendio ripido che porta sotto alle rocce di vetta. Data l’ora e il caldo, abbiamo preferito evitare il diagonale sotto alle rocce della vetta e ci siamo fermati 50 metri più in basso.

Discesa: per stesso itinerario

Condizioni: buon innevamento su tutto il percorso. Firn sui versanti esposti a S e ancora neve invernale su quelli a N. Qualche metti e togli sulla strada; neve gelata nell’attraversamento del bosco. Utili i rampant.

Tempo di salita: 3,40 ore, comprese le soste
Dislivello: 1100 m circa
Sviluppo: 12,5 km circa
Difficoltà: BS

Attrezzatura: normale dotazione scialpinistica.

Please follow and like us:

Brudelhorn 2 Marzo 2019

Scarica la traccia

Relive ‘Morning Mar 2nd’

VALLE DI GOMS BRUDELHORN

Dalla pista di fondo di Geschinen (1340 m) si attraversa il Rodano e si continua verso sudest sino ad incrociare una strada forestale che si percorre verso sinistra. Risalendo un ripido bosco si arriva ad una radura con una baita isolata a quota 1955 m. Si continua verso nord per bosco più rado sino al piano di Altstafel m 2083. Proseguendo in direzione S, si raggiunge la cresta a quota 2729 m e la si segue fino alla vetta, che si raggiunge con gli sci ai piedi (2791 m). Per la discesa abbiamo seguito l’itinerario di salita.

Condizioni: buon innevamento su tutto il percorso. 15 cm di neve fresca hanno assicurato una super sciata

Tempo di salita: 4 ore, comprese le soste
Dislivello: 1450 m circa
Sviluppo: 14,6 km circa
Difficoltà: BS

Attrezzatura: normale dotazione scialpinistica.

Please follow and like us:

Punta di Valdeserta – Gross Schinhorn da Binn 16 Febbraio 2019

Scarica la traccia

Relive ‘Punta di Valdeserta’

BINNTAL PUNTA DI VALDESERTA

La punta di Valdeserta è una bellissima meta, sia che la si raggiunga da Devero, sia che si scelga l’itinerario da Binn. Qesta volta abbiamo optato per il versante svizzero, ed è stata una scelta azzeccata. Ottime condizioni e grande sciata.

Lasciata la macchina a Fald (1519 m), abbiamo preso la strada innevata e l’abbiamo seguita, con qualche taglio, fino alla miniera. Risalito il prato tra bassi cespugli, abbiamo preso il sentiero estivo che attraversa il bosco (segno bianco-giallo su un albero), e che porta ad un ponticello che consente di attraversare agevolmente il torrente. Risalendo il bosco rado, si arriva alle baite di Wissy (1852 m) e di Schare (1979 m). Proseguendo la salita, abbiamo aggirato a destra un cucuzzolo quotato 2136 m, per costeggiare il laghetto di Massersee. Qui si esce dal bosco, ed inizia il magnifico vallone aperto di Hotal, prima in direzione ENE, poi E. Si passa sotto la vetta dell’Unter Schinhorn scendendo al lago o, se le condizioni lo consentono, tagliando il ripido pendio senza perdere quota. Raggiunto il Mittelbergpass (2824 m), lasciati gli sci, in pochi minuti si raggiunge la panoramica cima (2937 m).

Discesa: stesso itinerario fino al laghetto, che ci siamo lasciati a sinistra, per scendere in direzione N, su bei pendii aperti fino a quota 1850 circa, Tornati sull’itinerario di salita, l’abbiamo ripercorso a ritroso fino a Fald. GITONA

Condizioni: buon innevamento su tutto il percorso. Presente una bella traccia, che rimane alta sul pendio che porta al passo. Neve un po’ ventata in alto, con polvere compressa, poi sempre più bella, fino alla magnifica polvere da 2200 m in giù. Un po’ di ravanage nell’attraversamento del bosco.

Tempo di salita: 3,45 ore, comprese le soste
Dislivello: 1450 m circa
Sviluppo: 14 km circa
Difficoltà: BSA

Attrezzatura: normale dotazione scialpinistica. Possono essere utili i ramponi per la vetta, anche se oggi non erano necessari.

« 1 di 2 »
Please follow and like us:

Jegihorn


Scarica la traccia


VALLESE JEGIHORN –  VIA PANORAMA

Bella via di roccia, su difficoltà abbastanza basse (5a obbl.) e buona roccia, soprattutto dopo i primi tiri. Da Saas Grund, si sale in funivia fino a Kreuzboden (2397 m) e si prende la strada sterrata che poi diventa il sentiero, seguendo le indicazioni Jegi. Lasciata la traccia che porta alla ferrata (cartello) si sale il direzione della parete dello Jegihorn, fino a raggiungere l’attacco delle vie. Panorama è la più a destra.
La via è attrezzata a spit. Non è necessario integrare. Tutte le soste sono da collegare e abbastanza comode. Discesa a piedi per sentiero indicato con segni bianco azzurri, con un primo tratto ripido e sassoso. Molto frequentata la via Alpendurst, leggermente più facile, più solitaria Panorama

Difficoltà: L1 4b, L2 4b, L3 4c, L4 4b, L5 5a, L6 5a, L7 4c, L8 4c, L9 4c (AD);

Tempo di salita: 1 ora, all’attacco, 4 ore per la via

Dislivello: 500 m circa all’attacco, 300 metri la via

Attrezzatura: corda intera da 60 o 2 mezze corde, 10 rinvii


 

 

Please follow and like us: