Valstrona Punta dello Sciatore 13 Marzo 2021


 Scarica la traccia

Relive ‘Punta Sciatori’

Approfittiamo dell’ultimo week end con un minimo di libertà per fare una bella gita. Anche questa è una meta insolita, ad una cima il cui nome è tramandato dai frequentatori locali, ma che non si trova sulle carte. Si tratta comunque di una gita bellissima, in un angolo di Valstrona poco conosciuto. La strada per Campello in inverno non viene pulita e, anche se la neve non è continua, le valanghe scese dai canali la rendono impercorribile dalle auto.

Da Forno si segue la strada per Campello fin dove possibile. Oggi siamo arrivati ad un chilometro circa dalla Piana di Forno (1000 m circa). Lasciata l’auto in uno slargo della strada, abbiamo messo gli sci sullo zaino fino al cimitero di Campello, dove la neve diventa costante. Raggiunto il paese, siamo scesi al torrente, lo abbiamo attraversato sui resti dì una valanga e ci siamo inoltrati lungo la mulattiera che sale all’alpe Pennino. Quando questa, attraversato il torrente, volge a E, la si abbandona e si risale il ripido pendio, in direzione S. Proseguendo il pendio si incunea in un ampio canale, che sfocia in un tratto aperto e pianeggiante. Percorso il pianoro, ci si alza nuovamente in un altro canale, che porta alla bocchetta del Crac. Deviando a destra, si supera un breve risalto un po’ ostico e si esce sui pendii sommitali, in vista della cima. Raggiunta la bocchetta dove si lasciano gli sci, si percorrono a piedi gli ultimi 10 metri che portano in vetta (2060 m)

Discesa: dalla cima ci siamo diretti a NO, seguendo bellissimi pendii e ampi canali. Un tratto a mezzacosta ci ha portati all’alpe Penninetto, dove abbiamo scollinato, per scendere in direzione dell’alpe del Vecchio. Raggiunto il ponticello sulla Strona, in breve siamo tornati a Campello. Gitona!

Tempo di salita: 4 ore
Dislivello: 1100 m circa con le risalite
Sviluppo: 13,5 km circa tutto il giro
Difficoltà: AD-

Condizioni: lasciata la strada, la neve è abbondante. La salita alla bocchetta del Crac è a tratti molto ripida e soggetta a valanghe. Deve essere percorsa solo in condizioni assolutamente sicure. Neve trasformata in salita (utili i coltelli) e polverosa e bellissima su tutto l’itinerario di discesa.


Valle Strona Monte Croce da Fornero 9 Gennaio 2021


 Scarica la traccia

Relive ‘Monte Croce da Fornero’

Anche questa è una gita insolita, che non sempre si può effettuare a causa della partenza a bassa quota; ma quando ci sono le condizioni, è una chicca che non ci si deve lasciar sfuggire. Il bosco esposto a N è garanzia di neve polverosa, nonostante la quota modesta.

Dal parcheggio di accanto alla chiesa di Fornero (590 m), si prende la ripida stradina asfaltata che sale in direzione E. Dopo un paio di tornanti la strada spiana e passata una bella chiesetta, si inoltra nella valle, raggiungendo l’alpe Foglia. Da qui si procede nel bel bosco di faggi, seguendo le marche bianco rosse del sentiero estivo. Si esce dal bosco al Co di Strobj, a quota 1265 m, quando si incontra la strada che proviene da Camasca. La si percorre per un tratto, in leggera discesa, fino alla bocchetta di Valfoglia, dove si lascia la strada che prosegue verso il colle del Ranghetto e si risale sulla destra la dorsale della montagna.
Dopo un breve tratto in diagonale, si raggiunge la cresta, inizialmente abbastanza angusta e che obbliga a numerose inversioni ravvicinate. A mano a mano che si sale la dorsale si amplia e la pendenza diminuisce, per arrivare al bel pendio sommitale, ampio e aperto (1643 m).

Discesa: per lo stesso itinerario, con possibili varianti nella faggeta, sufficientemente rada da consentire di sciare con pieno divertimento.

Tempo di salita: 3,10 ore
Dislivello: 1100 m circa con le risalite
Sviluppo: 12,5 km circa andata e ritorno
Difficoltà: PD

Condizioni: neve abbondante fin dalla partenza. Si calzano gli sci all’uscita del paese. Neve polverosa su tutto il percorso; anche nel tratto sommitale, a patto di non spostarsi mai sui versanti S sotto alla vetta, dove il sole ha già modificato il manto nevoso.


Mottarone Anello da Granerolo 6 Giugno 2020

Scarica la traccia

MOTTARONE DA GRANEROLO

Prima uscita post COVID con gli amici del GAM Verta. La scelta cade sul Mottarone, che offre numerose varianti di salita, e su un itinerario insolito, con partenza da Granerolo.

Dal parcheggio all’ingresso del paese (373 m), una stradina asfaltata sale in direzione NE. Superata una strada sterrata, si sale su bel sentiero in mezzo al bosco. Intorno a quota 900 m si incontra il sentiero che proviene da Gravellona. Poco oltre ci sono le baite dell’alpe Colma (920 m). Il sentiero ora volge a S e segue il costone che separa il rio Granerolo dal rio Grisolo. Superata la cima Cusio, il sentiero si dirige verso lo skilift la Rossa e incontra la strada che porta al piazzale. Pochi minuti di salita accanto allo skilift del Baby e si arriva alla grande croce di vetta (1491 m).

Discesa: dalla croce siamo tornati al piano dei milanesi e al laghetto artificiale. Seguendo la strada della cava, abbiamo preso il bel sentiero panoramico che scende all’alpe Bertogna. Dall’alpe, nei pressi di un traliccio dell’alta tensione, si stacca sulla destra un bel sentiero che, con vari saliscendi, porta ad attraversare il rio Inferno. Qui si incontrano i resti della decauville che portava i blocchi di granito dalla cava a Granerolo. E’ un’opera impressionante, costruita con blocchi di granito con funzione di traversine e rilevati in pietra dove il terreno crea avvallamenti. Questo tratto del sentiero, abbandonato per lungo tempo, è stato recentemente magnificamente pulito e ripristinato dagli Gnomi del Mastrolino.

Condizioni: sentiero pulito e ben segnalato . fino a Bertogna. Da qui a Granerolo non ci sono cartelli indicatori, ma il percorso è sempre evidente. L’attraversamento del rio Inferno può essere problematico in caso di forti precipitazioni

Tempo di salita: 2,45 ore comprese le soste; 6 per tutto il giro
Dislivello: 1300 m circa
Sviluppo: 14 km circa
Difficoltà: E

Mottarone Ferrata dei Picasass 31 Dicembre 2019

MOTTARONE FERRATA DEI PICASASS DA BAVENO

Non c’è modo migliore per finire l’anno, di questa bella e facile ferrata, con vista mozzafiato sulle isole borromee.

Dall’uscita dell’autostrada seguire le indicazioni per il campeggio La Tranquilla e poi la stretta strada che sale ripida sulla destra, con l’indicazione CAI “Monte Camoscio” Lasciare l’auto al termine della strada asfaltata.

Seguire il sentiero per il monte Camoscio, fino a un bivio con le indicazioni per la ferrata, che si snoda sul versante occidentale del monte Camoscio. La roccia è il bellissimo granito rosa del Mottarone e in molti tratti si utilizza la sua naturale aderenza, alternata a numerosi gradini in acciaio. La via è abbastanza esposta ma non difficile, con un solo passaggio leggermente strapiombante e un po’ più impegnativo ad un terzo circa del percorso. Alla fine della ferrata c’è anche un divertente ponte tibetano, che è comunque possibile aggirare.

Discesa: dalla croce, prendere il sentiero con segni bianco rossi che scende a sinistra e seguirlo fino ad ritrovare il sentiero di salita.

Tempo di salita: 40 minuti avvicinamento, 1,15 ore per la ferrata; 45 minupi per la discesa

Mottarone Anello da Bertogna 29 Dicembre 2019

Scarica la traccia

MOTTARONE DA OMEGNA BERTOGNA

Dopo pranzi e cene delle feste, sta diventando tradizione una bella camminata sulla montagna di casa.

Partito da Omegna (270 m), località la Verta, si percorre via Bertogna e poi via Ronco. Attraversato il gruppo di case, si incontra a destra il sentiero che sale nel bosco e porta ad un primo alpeggio. Continuando la salita nel bosco, con qualche affaccio panoramico su Omegna e il lago, si arriva all’alpe Bertogna (283 m). Il sentiero prosegue nel bosco, facendosi più ripido, e si porta sul versante del rio Inferno. Da qui si possono ammirare i pilastri occidentali del Mottarone, con vie di arrampicata di notevole impegno. Superato un bel bosco di betulle, il terreno si fa più aperto e il panorama sul lago d’Orta è magnifico. Il sentiero ora si porta verso la Rossa, risalendo il settore boulder del Sasso Rana, e incontra la strada della cava, che porta al laghetto artificiale e al piazzale. Pochi minuti di salita accanto allo skilift del Baby e si arriva alla grande croce di vetta (1491 m).

Discesa: dalla croce, passando dietro alle antenne, sono sceso verso S, in direzione del piazzale inferiore. Attraversato tutto il piazzale, ho seguito la vecchia strada sterrata, che scende al bivio di Stresa. Attraversata la strada, ho preso il sentiero che per un tratto la costeggia, per scendere poi con un lungo tratto a mezza costa a riattraversarla nei pressi di un cancello. Da qui in sentiero scende diretto al colle di Cortano (1042 m). Dal ricovero di Cortano, ho seguito a destra il sentiero che costeggia una recinzione, per scendere ripido nel bosco di faggi, in direzione del torrente. Attraversatolo, in pochi minuti sono arrivato all’alpe Vermenasca (894 m). Qui si incontra la mulattiera, che segue per un lungo tratto in falsopiano il corso del torrente Pescone. Arrivato al bivio per i Tre Alberi, sono sceso verso l’alpe Selviana e Agrano (475 m). Purtroppo il sentiero che collegava la strada di Agrano al sentiero che proviene da Crabbia non è più percorribile, quindi ho seguito la strada, riuscendo solo a tagliare i tornanti. Poi un noioso tratto, sempre su strada asfaltata, mi ha riportato alla Verta.

Condizioni: sentiero pulito su tutto l’itinerario. Solo un po’ di neve dal Sasso Rana alla vetta, ma non da problemi. Il sentiero di salita è bello e ben segnalato, con segni di vernice bianco rossi e con i bolli arancio dell’UTLO.

Tempo di salita: 2,45 ore comprese le soste; 7 per tutto il giro
Dislivello: 1250 m circa
Sviluppo: 21 km circa
Difficoltà: EE

Mottarone Sass Buticc 27 Ottobre 2019

Il Mottarone è un posto speciale, con i suoi panorami che si estendono dalla pianura Padana ai 4000 del Vallese, dai laghi prealpini al Monviso e con la sua roccia stupenda che, oltre a essere perfetta per l’arrampicata, offre anche uno straordinario campionario dell’abilità modellatrice della natura. La Pera, la Balena, il Gufo, l’Ippodrillo, il Sasso Rana, meritano una visita, anche se non si è scalatori, solo per ammirarne la bellezza.

Avvicinamento: dal piazzale superiore, si prende la strada principale che, girando intorno al bar Alp, inizia a scendere. Subito dopo alla curva, si imbocca la strada sterrata che si stacca sulla destra. La si percorre in discesa, superando alcuni dossi, per risalire pochi metri ad un dosso alberato. Poco dopo (cartello indicatore) un ripido sentierino scende a destra, in direzione dell’evidente monolito della Pera. Raggiunto il colletto sotto alla Pera, troviamo a sinistra il sentiero che scende ai settori Balena, Pera, Aquila, Gufo ecc., mentre a destra si trovano i settori Sella, Stella e Cascata.

E’ il regno dell’aderenza. Roccia bellissima con uno straordinario grip. che permette di salire su pendenze altrove impensabili. E’ il settore più frequentato del Mottarone. L’arrampicata è prevalentemente su placca, ma ci sono anche diedri, fessure e spigoli. Difficoltà medio basse. La chiodatura è ottima.
Nel settore Pera-Aquila sono presenti vie di più tiri.

Bibliografia:
Ossola Rock. F. Manoni, M. Pellizzon, P. Stoppini Ed.Versante Sud
Le più belle vie dell’Ossola dal I al IV grado. A, Paleari Ed. Monte Rosa


Avvicinamento: 15 minuti
Roccia: granito
Arrampicata prevalente: placca
Difficoltà: dal 3b al 6b
Attrezzatura: corda da 70 m, 12 rinvii
Giudizio: ottimo
VALUTAZIONE DELLE VIE
*           merita
**         bella
***        molto bella
****      da non perdere
*****    di più

BALENA BASSA dal 3a al 5c***  15m
Placca appoggiata


BALENA ALTA CAMILLO 6a**** 28m
Bella e varia


BALENA ALTA O SOLE MIO 45 ** 20m

Canalino e placca


BALENA ALTA BALLA COL LUPO 5c *** 20m


BALENA ALTA FEDE 98 6c 20m

Strapiombino e fessura cieca


BALENA ALTA VIA COL VENTO 6a**** 20m

Molto bella


CORVO VAI MARTIN0 L1 6a**** L2 6A*** 20m+15m

Spittata corta


PERA AQUILA RE HATU 6a****20m

Bellissimo spigolo

Mottarone Vertical 26 Dicembre 2018

Scarica la traccia

Relive ‘MOTTARONE VERTICAL’

MOTTARONE DA OMEGNA

Cene e pranzi natalizi impongono un po’ di moto. Niente di meglio che un bel giro sulla montagna di casa.

Partito da Omegna, località Madonna del Popolo, prendo via Nobili e la percorro fino in cima, dove inizia il sentiero che porta al Mastrolino. Lo seguo per un breve tratto, fino ad incontrare il ripido sentiero del Vertical, ben segnalato da un cartello rosso. Il nome è del tutto meritato e si prende rapidamente quota. Il sentiero è molto ben tenuto, con numerosi scalini e frequenti indicazioni, oltre a tantissimi piccoli gnomi colorati lasciati dagli amici del Mastrolino. Il percorso segue la vecchia traccia del sentiero dei Pumit e, intorno ai 1100 m, incontra il sentiero che sale dai Tre Alberi. Raggiunto lo skilift della Baita, l’ho risalito fino al piazzale, e da qui sono arrivato in vetta (1491 m).

Discesa: tornato al piazzale, sono sceso verso la palestra di roccia del Sass Buticc. Raggiunto il caratteristico roccione della Pera, ho deviato a N, passando accanto ai poco frequentati settori della Sella, Stella e Cascata, per arrivare alle baite dell’alpe Celle. Abbandonato il sentiero, sono sceso tra i rododendri ad attraversare il rigagnolo, per risalire poi il ripido versante opposto nei pressi della partenza dello skilift della Baita. Ripercorso per un tratto l’itinerario di salita, arrivato al boschetto di betulle su un pianoro a quota 1100 circa, ho preso il sentiero che scende ripido ai Tre alberi (858 m). Da qui parte un sentiero ben segnalato che porta all’alpe del Barba (759 m) e all’alpe del Tredes (610 m). Proseguendo sul sentiero reso infido dalle foglie secche, in breve sono tornato ad Omegna.

Condizioni: niente neve o ghiaccio su tutto l’itinerario. Il sentiero di salita è ripido ma tenuto benissimo: in discesa occorre fare attenzione alle abbondanti foglie che coprono il sentiero, nascondendo sassi e buchi.

Tempo di salita: 2,30 ore comprese le soste; 5,30 per tutto il giro
Dislivello: 1250 m circa
Sviluppo: 12,5 km circa
Difficoltà: EE

Baveno – Mottarone – Omegna per la ferrata dei Picasass 5 maggio 2018


  Scarica la traccia


CUSIO MOTTARONE DA BAVENO PER LA FERRATA DEI PICASASS

In attesa di capire se la stagione dello scialpinismo è finita o solo sospesa, torniamo su questo stupendo itinerario per salire al Mottarone, con la piacevole variante della ferrata dei Picasass. Partiamo da Oltrefiume (281 m), poco sopra Baveno e ci dirigiamo verso il Monte Camoscio (890), seguendo l’itinerario M3. Ad un tornante, un cartello indica il percorso per la ferrata, che si raggiunge in una trentina di minuti. La ferrata è abbastanza facile,  molto bella, panoramica e realizzata con perizia. Il ponte tibetano, che completa la ferrata, può essere evitato aggirandolo su sentiero che porta alla croce del monte Camoscio. Lasciato questo bellissimo balcone sul lago, scendiamo al Rifugio Papà Amilcare. Il sentiero sale su un dosso e si porta sul versante di Gravellona. Tornato sul lato di Baveno costeggia il Monte Crocino, per scendere poi all’alpe Vedabbia (879 m). Qui si incrocia la mulattiera che sale dall’Alpino. Si segue per un tratto una strada che salendo si fa sempre più scavata dall’acqua, per lasciare poi posto ad un ripido sentiero, che non da respiro. Ad un tornante si incontra il sentiero che sale al Monte Zugaro (1230 m). Scendendo pochi metri ci si porta alla bella baita dell’alpe Nuovo, del CAI Baveno. Si attraversa il ponticello e, risalendo le piste Corti e Baby 2, in breve si arriva in vetta (1491 m)

In discesa ci siamo diretti alla baita del CAI Omegna, per proseguire lungo la pista della baita, ad incontrare il buon sentiero che scende all’alpe Bertogna e poi alla frazione La Verta, alla periferia N di Omegna

Tempo di salita: 30 minuti all’attacco, 1,30 ore per la ferrata, altre 2,30 ore per la vetta. 1,45 ore per la discesa
Dislivello: 1400 m circa con le risalite
Sviluppo: 14,7 km circa
Difficoltà: EEA con set da ferrata e casco

Condizioni: percorso sempre evidente e ben segnalato su tutto l’itinerario.