Mottarone da Armeno 7 Gennaio 2024


  Scarica la traccia

Relive ‘Mottarone da Armeno’


Prima gita dell’anno e non poteva che essere al Mottarone, montagna di casa e finalmente in veste quasi invernale. Questa volta abbiamo scelto un percorso ad anello, lungo ma non faticoso e molto bello.

Lasciata l’auto ad Armeno (620 m), nel parcheggio Bagnalera, abbiamo attraversato il paese in direzione O e percorso in discesa via Sappa fino alla chiesa di Sant’Antonio, dove prendiamo via dei Ciliegi. Ben presto la strada asfaltata lascia il posto ad una sterrata, che sale nel bosco e arriva ad incontrare la strada per il Mottarone nei pressi di Cheggino (690 m). Entrati tra le case del borgo, abbiamo preso la strada sterrata che risale la valletta e con vari tornanti porta a Luciago (920 m). Attraversata la strada, prendiamo la sterrata che porta all’alpe Marigior, che vediamo dall’alto, e proseguiamo per l’alpe Lovaga. Torniamo ad attraversare la strada nei pressi del ricovero di Cortano (1030 m) e risaliamo al colle del Faggio della Barchetta. Risalendo il sentiero ben marcato arriviamo al bivio della Borromea e al Mottarone

Discesa: dal piazzale del Baby ci dirigiamo verso il piazzale N, passiamo dalla chiesetta della Madonna della Neve e ripercorriamo l’itinerario di salita fino al colle del Faggio della Barchetta. Poco oltre attraversiamo la pineta in direzione E per raggiungere il tornante destro. Sotto al tornante troviamo la sterrata che porta ad incrociare la strada delle Tre Montagnette, che con vari saliscendi porta a Coiromonte. Percorso un tratto di strada asfaltata, raggiungiamo la cappella commemorativa dei caduti, dove parte il sentiero che ci riporta ad Armeno.

Tempo di salita: 3,15 ore, 6,30 per la gita, comprese le soste
Dislivello: 1000 m circa, con le risalite
Sviluppo: 22,7 km circa
Difficoltà: E


Condizioni: sentiero abbastanza pulito ma poco segnalato. Incontrato neve da sopra Cortano. Alcuni tratti cominciano a gelare. Utili, anche se non indispensabili, i ramponcini. Il tratto in discesa da Coiromonte è in due punti interrotto da alberi caduti, che occorre scavalcare o aggirare


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *