Val Vigezzo Monte Ziccher 12 Agosto 2020


Scarica la traccia

Relive ‘Monte Ziccher’

Gita esplorativa, su un versante del monte Ziccher che non avevamo mai frequentato.

Lasciata l’auto nel pacheggio alla fine della strada che sale da Craveggia (1180 m ca), ci siamo diretti verso il rifugio del Blitz, su un’ampia strada sterrata. Proseguendo in leggera discesa, la stada lascia posto al sentiero e siamo in breve arrivati all’alpe Cailina (1135 m). Qui si abbandona il sentiero principale, e si segue uma labile traccia che sale nel bosco. Il sentiero è poco frequentato e ancor meno segnalato, ma con un po’ di attenzione si arriva all’alpe degli Orti (1223 m). Da qui il sentiero svanisce definitivamente, ma con l’aiuto della carta e del GPS, abbiamo raggiunto la baita isolata a quota 1480 m. Oltre alla baita, ci siamo trovati su pendii ripidi, invasi da altissime felci. Il percorso era esatto, tanco che a tratti si intravedeva qualche segno di vernice bianco rossa e un tratto con una catena, ma il sentiero è stato completamente fagocitato dalla vegetazione, e procedere è difficile e faticoso. Usciti dalle felci si ritrova il sentiero che porta all’alpe Caneto (1766 m), bel balcone adagiato su un pendio pietroso e magri pascoli. Seguendo il sentiero pianeggiante in direzione OSO, si passa sul versante di Ganda Rossa, e si arriva alla bocchetta di Sant’Antonio (1841 m). Una breve salita su sentiero evidente ci porta in breve alla frequentata vetta dello Ziccher (1967 m).

Tempo di salita: 4 ore allo Ziccher; 5,30 comprese le soste, per la gita.
Dislivello: 1000 m circa
Sviluppo: 11,5 km circa
Difficoltà: EE

Condizioni: itinerario di salita poco frequentato. Il sentiero spesso sparisce, invaso dalla vegetazione. Da evitare, se non viene pulito. Dall’alpe Caneto il sentiero è ben marcato e segnalato.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.