Scatta Minoia

 


  Scarica la traccia


DEVERO – SCATTA MINOIA E GRANDE EST

La Scatta Minoia è un passo d’alta quota che mette in comunicazione la valle di Devero con la Val Vannino. Pur non avendo mai ricoperto un ruolo importante come passo commerciale, è sempre stato frequentato dagli escursionisti, fin dalle prime esplorazioni delle valli intorno alla val Formazza. Da qui passarono Cust e Coolidge e numerosi altri famosi nomi dell’alpinismo esplorativo ottocentesco.

Si parte da Devero (1600 m), località i Ponti, e si prende l’ampio sentiero che porta a Corte d’Ardui. Non si raggiungono le baite, ma si prende il sentiero a sinistra, verso Crampiolo. Mantenendo la sinistra orografica del torrente, si superano le case e si prosegue in direzione della dighetta. Un ampio sentiero costeggia il lago dall’alto, con vari saliscendi. Raggiunta la fine del lago, in corrispondenza di una baita, il sentiero comincia a salire e porta nella bellissima valletta di Canaleccio, dove spesso si incontrano le marmotte. Il sentiero lascia il posto a un’ampia strada sterrata, che sale a ripidi tornanti fino all’alpe Forno (2222 m). Su buon sentiero si prosegue ora in direzione O, seguendo le dolci ondulazioni del terreno, e si supera un laghetto, dove abbiamo trovato una splendida fioritura di eriofori. Ora il sentiero diventa più ripido, e dopo qualche tornante, con un diagonale porta al passo, dove sorge il bivacco Conti (2599 m)

In discesa, tornati all’alpe Forno abbiamo deciso di percorrere il magnifico altopiano costellato di laghetti che costituisce il grande Est di Devero. Arrivati all’alpe della Valle, lasciato il sentiero che prosegue verso corte Corbernas, siamo scesi verso il lago e abbiamo ripreso il sentiero di salita.

Tempo di salita: 3,30 ore, comprese le soste; 7,30 ore per tutta la gita
Dislivello: 1100 m circa, con le risalite
Sviluppo: 22,5 km circa
Difficoltà: EE
Condizioni: sentiero sempre evidente e ben segnalato. Numerosi cartelli indicatori, ometti e segni di vernice


Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *